Sentenze CEDU da noi ottenute

Qui trovate.
I Testi integrali di alcune sentenze italiane ed europee ottenute da Avvocati aderenti all’Associazione (anche con l’utilizzo degli studi e delle ricerche che l’Associazione mette a loro disposizione) che, per gli importanti principi in esse contenuti, è utile evidenziare.
Una Sintesi di queste sentenze, per gli utenti che hanno poco tempo.

Indice della Sezione A.8

1

La Corte Europea "demolisce" la prescrizione.
La Corte Europea, (su intervento di avvocati aderenti all'Associazione ed in base a principi che l'Associazione ha sostenuto), ha pronunciato un'importante sentenza nella quale, oltre a ribadire l'ormai noto e consolidato principio del valore di mercato, ammette che in alcuni casi si può ricorrere alla Corte Europea  anche se in  Italia è intervenuta la prescrizione.
Per vedere la sentenza clicca qui:
VAI ALLA SENTENZA >

2

SI PUO' RICORRERE DIRETTAMENTE ALLA CORTE EUROPEA.
La Corte Europea, (su intervento di avvocati aderenti all'Associazione ed in base a principi che l'Associazione ha sostenuto), ha pronunciato un'importante sentenza nella quale, oltre a ribadire l'ormai noto e consolidato principio del valore di mercato, ammette che si possa ricorrere direttamente alla Corte Europea (senza rivolgersi prima ai Giudici Italiani) quando si presume che i Giudici Italiani non garantiscono l'applicazione delle norme CEDU. 
Per vedere la sentenza clicca qui:
VAI ALLA SENTENZA >

3 L'ESPROPRIATO HA DIRITTO AD UNA INDENNITA' COMMISURATA AL VALORE DI MERCATO DEL BENE ESPROPRIATO.
La Corte Europea, (su intervento di avvocati aderenti all'Associazione ed in base a principi che l'Associazione ha sostenuto), riconosce ad un espropriato il diritto ad una somma
commisurata al valore di mercato dei terreni con rivalutazione monetaria istat ed interessi legali.
Per vedere la sentenza clicca qui: VAI ALLA SENTENZA > 4

I GIUDICI ITALIANI DEVONO APPLICARE DIRETTAMENTE LE NORME CEDU
senza costringere gli espropriati a ricorrere alla Corte Europea.
 
La Corte d'Appello di Firenze
(su intervento di avvocati aderenti all'Associazione ed in base a principi che l'Associazione ha sostenuto), liquida oltre 2 milioni di euro applicando direttamente le norme CEDU; l'Amministrazione aveva offerto all'espropriato soltanto 53 milioni di lire.

Per vedere la sentenza clicca qui: VAI ALLA SENTENZA >

ISTRUZIONI PER TUTELARSI

I costi della nostra assistenza, in sintesi

CONSULENZA INIZIALE CON ESAME DI ATTI E CONSIGLI

                Gratuita

                Per richiederla cliccate qui....

EVENTUALE SUCCESSIVA ASSISTENZA, SE RICHIESTA.

                Da concordare:

                - con accordo scritto (a garanzia dell’espropriato)

                - con pagamento posticipato (si paga con i soldi che si ottengono dall’Amministrazione).

            Per sapere come funziona cliccate qui Vademecum Gratuito e andate a pag. 20 e/o esaminate Tutelarsi e/o Opporsi: il DAP

 

CONSIGLI

Il Diritto dell'Espropriazione per Pubblica Utilità è una materia molto complessa e poco conosciuta.
L'Associazione, tramite i suoi Siti, cerca di illustrarla agli espropriati, affinché possano comprendere e controllare ciò che avviene.
Esaminate, quindi, con attenzione i testi dei nostri Siti, che sono stati studiati per essere facilmente compresi da tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro cultura di base.

 

Se volete sapere come si svolge la PROCEDURA ESPROPRIATIVA e come tutelarvi nelle varie fasi, abbiamo predisposto una breve sintesi degli strumenti da utilizzare. Potete esaminarli cliccando qui Come Tutelarsi in tre passi

 

Ricordate che il principale custode dei vostri diritti siete voi stessi; è quindi essenziale capire ciò che succede.

Call Now Button